Il tuo carrello è vuoto

Acquistare

Quantità: 0

Totale: 0,00

0

Marte

Marte

Gli scienziati sono in cerca di tracce di acqua e vita su Marte.

Geografia

Etichette

Marte, satelliti di Marte, Sistema solare, pianeta interno, pianeta roccioso, Phobos, Deimos, Sole, pianeta, astronomia, geografia

Extra correlati

Scene

  • Sole
  • Mercurio
  • Venere
  • Terra
  • Marte
  • Giove
  • Saturno
  • Urano
  • Nettuno

Marte è il quarto pianeta dal Sole nel Sistema Solare, il più esterno dei pianeti interni. È 1,52 volte più lontano dal Sole della Terra. Il suo diametro è circa la metà della Terra, la sua massa è solo un decimo. Si tratta di un pianeta roccioso (pianeta terrestre).

Marte

  • asse di rotazione di Marte
  • linea perpendicolare al piano orbitale
  • piano orbitale di Marte
  • orbita di Marte
  • equatore di Marte
  • 25,19°

Dati:

Diametro: 6.794 km (0,53 volte quello della Terra)

Massa: 6,4185x10²³ kg (0,107 volte quella della Terra)

Densità media: 3,93 g/cm³

Gravità superficiale: 0,376 g

Temperatura superficiale: tra -150 °C e +20 °C

Numero di satelliti: 2

Periodo di rotazione: 24 ore e 37 min

Inclinazione assiale: 25,2°

Distanza media dal Sole:
227.936.637 = 1,52 UA =
12 minuti luce

Eccentricità orbitale: 0,093412

Periodo orbitale: 1,88 anni

  • Calotta glaciale Nord
  • Calotta glaciale Sud
  • Arcadia Planitia
  • Amazonis Planitia
  • Elysium Planitia
  • Acidalia Planitia
  • Utopia Planitia
  • Elysium Mons
  • Olympus Mons
  • Arabia Terra
  • Tempe Terra
  • Sirenum Terra
  • Noachis Terra
  • Tyrrhena Terra
  • Promethei Terra
  • Cimmeria Terra
  • Xanthe Terra
  • Altopiano di Tharsis
  • Valles Marineris
  • Solis Lacus
  • Hesperia Planum
  • Cratere Von Karman
  • Bacino Isidis
  • Bacino Hellas
  • Bacino Argyre

La superficie dell'emisfero settentrionale presenta enormi coni vulcanici e montagne vulcaniche a forma di scudo, l'emisfero sud è coperto di antichi crateri da impatto. I crateri variano da dimensioni superiori a 300 metri a centinaia di chilometri di diametro, e sono stati creati probabilmente da collisioni di asteroidi, il che non è sorprendente, poiché vicino all'orbita di Marte si trova la cintura di asteroidi. L'emisfero meridionale di Marte presenta parecchi grandi bacini circolari, dei quali Hellas, con 2.000 km di diametro, è il più grande. Il suo colore rosso è dovuto a sabbia e polvere ricche di ossido di ferro.

Il vulcano più grande di Marte, il Monte Olimpo (Olympus Mons) è un grande vulcano a scudo di 25 km di altezza. La Valles Marineris è un sistema di canyon, situato 4.000 km a sud dell'equatore, con una larghezza massima di diverse centinaia di chilometri e una profondità di 6 chilometri.

La regione delle calotte di neve polare è particolarmente interessante, qui centinaia di crateri vengono riempiti parzialmente o completamente da ghiaccio d'acqua congelata e ghiaccio secco. Attualmente non c'è acqua liquida sulla superficie di Marte, ma ne è stata dimostrata la presenza in passato. Ci sono formazioni topografiche simili a letti di fiumi prosciugati, e depositi di detriti a forma di goccia, che in genere sono depositati da fiumi impetuosi che trasportano sedimenti intorno a punti particolari.

Phobos:

Distanza media da Marte: 9.377 km

Diametro massimo: 22,2 km

Massa: 1.072x10¹⁶ kg

Phobos compie un'orbita intorno a Marte in circa 8 ore, più rapidamente di quanto il pianeta ruoti su se stesso. Le forze mareali marziane riducono costantemente il raggio orbitale di Phobos, questo porterà il satellite a schiantarsi sulla superficie di Marte. La sua superficie presenta crateri e scanalature, con una una struttura a strati.

Deimos:

distanza media da Marte: 23.400 km

diametro massimo: 12,6 km

massa: 2x10¹⁵ kg

La sua superficie scura è ricoperta da uno spesso strato di polvere. L'orbita di Deimos si sta lentamente espandendo.

Sezione di Marte

  • crosta - Ha uno spessore di circa 200 km.
  • mantello - Questo strato è spesso circa 1.600 km, e composto da rocce magmatiche.
  • nucleo - È di 3.200 km di diametro. Non è noto se si costituito da metalli liquidi o solidi.

Orbita di Marte

  • Marte
  • Sole
  • distanza media dal Sole: 227,936,637 km
  • periodo di rivoluzione: 1.88 anni
  • orbita di Marte

Animazione

  • Sole
  • Mercurio
  • Venere
  • Terra
  • Marte
  • Giove
  • Saturno
  • Urano
  • Nettuno
  • asse di rotazione di Marte
  • linea perpendicolare al piano orbitale
  • piano orbitale di Marte
  • orbita di Marte
  • equatore di Marte
  • 25,19°
  • crosta - Ha uno spessore di circa 200 km.
  • mantello - Questo strato è spesso circa 1.600 km, e composto da rocce magmatiche.
  • nucleo - È di 3.200 km di diametro. Non è noto se si costituito da metalli liquidi o solidi.
  • Marte
  • Sole
  • distanza media dal Sole: 227,936,637 km
  • periodo di rivoluzione: 1.88 anni
  • orbita di Marte

Narrazione

Marte è il quarto pianeta dal Sole nel Sistema Solare. A causa del suo colore rosso, è stato chiamato come il dio romano della guerra. Marte era uno degli dèi di Roma più antichi. I primi osservatori di Marte furono gli antichi Egizi, che si riferivano ad esso come "Horus dell'orizzonte". Oltre agli Egizi, anche i Greci osservarono Marte; intorno al 300 a.C., Aristotele notò che Marte era più lontano dalla Terra della Luna. Alla fine del XVI secolo, l'astronomo danese Tycho Brahe riuscì a tracciare il percorso di Marte con massima precisione.

Il suo assistente, l'astronomo tedesco Giovanni Keplero, basò le sue prime due leggi del moto planetario sulle osservazioni di Marte.

1. L'orbita di ogni pianeta è una ellisse con il Sole in uno dei suoi fuochi.

2. La linea che congiunge un pianeta e il Sole copre aree uguali in intervalli uguali di tempo. Il pianeta si muove più velocemente vicino al Sole, e si muove più lentamente a distanze maggiori.

Dal 1877, quando Schiaparelli ha annunciato la scoperta di una rete di linee sulla superficie di Marte, il pianeta è stato oggetto di molte discussioni. In molti credettero che la rete fosse un sistema artificiale di canali. Le osservazioni successive hanno smentito quest'idea. La prima sonda spaziale a visitare Marte fu Mariner 4, nel 1965. In seguito, decine di sonde, sovietiche e americane e di veicoli spaziali europei e giapponesi (orbiter, lander e rover), sono stati inviati su Marte per studiarne la superficie e il clima. Di questi, il maggior successo lo hanno avuto i programmi Mariner e Viking, il Mars Global Surveyor, la Odyssey, la MRO, il Phoenix e Mars Express. I rover Pathfinder, Spirit e Opportunity hanno fornito una grande quantità di informazioni, percorrendo la superficie del pianeta.

Marte è il quarto pianeta dal Sole nel Sistema Solare, il più esterno dei pianeti interni. È 1,52 volte più lontano dal Sole della Terra. Il suo diametro è circa la metà della Terra, la sua massa è solo un decimo.

Si tratta di un pianeta roccioso (pianeta terrestre). La superficie dell'emisfero settentrionale presenta enormi coni vulcanici e montagne vulcaniche a forma di scudo, l'emisfero sud è coperto di antichi crateri da impatto. I crateri variano da dimensioni superiori a 300 metri a centinaia di chilometri di diametro, sono stati probabilmente creati da collisioni di asteroidi, il che non è sorprendente, dato che vicino all'orbita di Marte si trova una cintura di asteroidi. L'emisfero meridionale di Marte presenta numerosi grandi bacini circolari, dei quali Hellas, con 2.000 km di diametro, è il più grande. Il suo colore rosso è dovuto a sabbia e polvere ricche di ossido di ferro.

Il vulcano più grande di Marte, il Monte Olimpo (Olympus Mons) è un grande vulcano a scudo di 25 km di altezza. La Valles Marineris è un sistema di canyon, situato 4.000 km a sud dell'equatore, con una larghezza massima di diverse centinaia di chilometri e una profondità di 6 chilometri. La regione delle calotte di neve polare è particolarmente interessante: qui centinaia di crateri vengono riempiti parzialmente o completamente da ghiaccio d'acqua congelata e ghiaccio secco. Attualmente non c'è acqua liquida sulla superficie di Marte, ma ne è stata dimostrata la presenza in passato. Ci sono formazioni topografiche simili a letti di fiumi prosciugati, e depositi di detriti a forma di goccia, che in genere sono lasciati da fiumi impetuosi che trasportano sedimenti intorno a punti particolari.

L'atmosfera di Marte è molto sottile ed è composta principalmente da anidride carbonica (96%), azoto e argon, oltre a tracce di ossigeno e vapore acqueo. La pressione atmosferica è di circa l'1% della Terra. Stando su Marte, il cielo non appare blu, come sulla Terra quando il tempo è bello, ma sembra piuttosto arancione pallido o rosa. Le condizioni meteorologiche sono severe (la temperatura media è di -63 °C), in tal modo le regioni polari sono coperte da calotte di neve di anidride carbonica. Gli anni marziani sono circa il doppio degli anni terrestri, anche le stagioni durano quasi il doppio. Le stagioni sono molto più estreme rispetto alla Terra. È a causa del cambiamento delle stagioni che durante l'inverno nell'emisfero meridionale di Marte la calotta polare può arrivare a coprirne la metà, mentre in estate la calotta di ghiaccio può arrivare a scomparire completamente. Un fenomeno simile si osserva nell'emisfero settentrionale. Il campo magnetico di Marte è molto debole.

Ci sono due satelliti conosciuti: Phobos e Deimos, che sono di forma irregolare e sono probabilmente asteroidi catturati. Entrambi i satelliti sono stati scoperti da Asaph Hall nel 1877, chiamati come personaggi dell'antica mitologia greca, i figli di Ares, dio della guerra. Il significato dei loro nomi è "terrore" (Deimos), e "paura" (Phobos).

Phobos compie un'orbita intorno a Marte in circa 8 ore, più rapidamente di quanto il pianeta ruoti su se stesso. Le forze mareali marziane riducono costantemente il raggio orbitale di Phobos, questo porterà il satellite a schiantarsi su Marte. La sua superficie presenta crateri e scanalature, con una struttura a strati.

La superficie scura di Deimos è ricoperta da uno spesso strato di polvere. L'orbita di Deimos si sta lentamente espandendo.

Extra correlati

Esplorazione di Marte

La struttura di Marte e le eventuali tracce di vita vengono esplorate con sonde spaziali e rover marziani.

Evoluzione del Sistema Solare

Il Sole e i pianeti si sono formati dalla condensazione di una nube di polvere circa 4,5 miliardi di anni fa.

Il Sistema Solare; orbite planetarie

Le orbite degli 8 pianeti del nostro Sistema Solare sono ellittiche.

Pianeti, dimensioni

I pianeti interni del Sistema Solare sono detti pianeti terrestri, mentre i pianeti esterni si chiamano giganti gassosi.

Giove

Giove è il pianeta più grande del Sistema Solare, con una massa di due volte e mezzo maggiore di quelle di tutti gli altri pianeti messi insieme.

Il Sole

Il diametro del Sole è circa 109 volte più grande di quello della Terra. Il Sole è costituito principalmente da idrogeno.

La missione Dawn

Studiare Cerere e Vesta ci aiuterà a conoscere meglio la storia iniziale del Sistema Solare e di come vengono a formarsi i pianeti rocciosi.

La missione New Horizons

La sonda New Horizons è stata lanciata nel 2006, con l'obiettivo di studiare Plutone e la fascia di Kuiper.

La struttura della Terra (livello avanzato)

La Terra è costituita da diversi strati sferici.

Le leggi di Keplero sul moto planetario

Le tre leggi importanti che descrivono il moto planetario furono formulate da Giovanni Keplero.

Mercurio

Mercurio è il pianeta più vicino al Sole ed è il pianeta più piccolo del Sistema Solare.

Missione spaziale Cassini-Huygens (1997-2017)

L'astronave Cassini ha esplorato Saturno ed i suoi satelliti per quasi 20 anni.

Nettuno

Nettuno è il pianeta più esterno del Sistema Solare, il più piccolo dei giganti gassosi.

Saturno

Saturno è il secondo pianeta più grande del Sistema Solare, facilmente riconoscibile per i suoi anelli.

Sistema Plutone - Caronte

Il più grande satellite di Plutone è Caronte.

Terra

La nostra Terra è un pianeta roccioso con un'atmosfera contenente ossigeno e con una crosta solida.

Urano

Urano, il settimo pianeta del Sistema Solare in ordine di distanza dal Sole, è un gigante gassoso.

Venere

Venere è il secondo pianeta del Sistema Solare in ordine di distanza dal Sole. È l'oggetto naturale più luminoso nel cielo notturno, dopo la Luna.

Via Lattea

La nostra galassia ha un diametro di circa 100.000 anni luce e contiene più di 100 miliardi di stelle, tra cui il nostro Sole.

Added to your cart.