Il tuo carrello è vuoto

Acquistare

Quantità: 0

Totale: 0,00

0

Infarto miocardico

Infarto miocardico

La causa dell'infarto è il blocco di un'arteria coronarica. Si tratta di una delle principali cause di morte.

Biologia

Etichette

Infarto miocardico, infarto miocardico, malattia, guarigione, servizio sanitario di urgenza, necrosi, coagulo, cateterismo cardiaco, vasocostrizione, muscolo cardiaco, sintomo, cura, arteria coronaria, vasi sanguigni, stile di vita, dolore al petto, stent, uomo, biologia

Extra correlati

Scene

Il cuore e gli organi interni

  • cuore - Il nostro cuore si contrae 100.000 volte al giorno e entrambi i ventricoli pompano 7.000 litri di sangue. Questo lavoro enorme e costante richiede un buon apporto di sangue: il sangue trasporta l'ossigeno e le sostanze nutritive necessarie. L'arteria che alimenta il muscolo cardiaco di sangue è chiamata arteria coronaria.

Cuore e vasi sanguigni

  • cuore - Il nostro cuore si contrae 100.000 volte al giorno e entrambi i ventricoli pompano 7.000 litri di sangue. Questo lavoro enorme e costante richiede un buon apporto di sangue: il sangue trasporta l'ossigeno e le sostanze nutritive necessarie. L'arteria che alimenta il muscolo cardiaco di sangue è chiamata arteria coronaria.

Infarto miocardico

  • vasocostrizione - Il grasso accumulato all'interno della parete arteriosa provoca il cosiddetto "indurimento delle arterie" o aterosclerosi, restringendo l'arteria e rendendo la parete vulnerabile. Il fumo, il consumo eccessivo di grassi e la mancanza di esercizio fisico aumentano il rischio di vasocostrizione.
  • coagulo di sangue - Le lesioni che si verificano nella zona indurita provocano la coagulazione e la formazione di un trombo. Il trombo finisce con l’ostruire la coronaria, interrompendo il flusso di sangue.
  • muscolo cardiaco morto - Se il blocco dura più di 6 ore, il tessuto cardiaco della zona interessata muore completamente, ma anche un blocco di durata più breve può causare danni permanenti al tessuto.

Sintomi

  • dolore toracico - Il sintomo più caratteristico è il dolore schiacciante al petto che non cessa con il riposo.
  • dolore che s'irradia alle braccia - Il dolore si verifica più spesso al lato sinistro.
  • paura di morire
  • sudorazione

Dissoluzione dei coaguli di con medicinali

Angioplastica coronarica

  • catetere - Viene inserito attraverso l'arteria femorale fino all'arteria coronaria.
  • palloncino
  • stent (struttura metallica cilindrica a maglie)

Animazione

Narrazione

Il nostro cuore si contrae 100.000 volte al giorno e entrambi i ventricoli pompano 7.000 litri di sangue. Questo lavoro enorme e costante richiede un buon apporto di sangue: il sangue trasporta l'ossigeno e le sostanze nutritive necessarie. L'arteria che alimenta il muscolo cardiaco di sangue è chiamata arteria coronaria.

Il grasso accumulato all'interno della parete arteriosa provoca l'indurimento delle arterie, rendendo la parete arteriosa vulnerabile. I depositi restringono le arterie coronarie riducendo così l'apporto di sangue al muscolo cardiaco. La forza di contrazione dell'area di tessuto colpita da ischemia diminuisce a causa della carenza di ossigeno e nutrienti del muscolo cardiaco. Il dolore toracico dovuto all'ischemia cardiaca è chiamato angina pectoris. Il consumo eccessivo di grassi, la mancanza di esercizio fisico e il fumo aumentano il rischio di vasocostrizione. Il rischio della formazione di un coagulo di sangue in un'arteria ristretta è estremamente alto. Le lesioni che si verificano nella zona indurita provocano la coagulazione e la formazione di un trombo. Il trombo finisce con l’ostruire la coronaria, interrompendo l'apporto di sangue al muscolo cardiaco. Se il blocco dura più di 6 ore, il tessuto cardiaco della zona interessata muore completamente, ma anche un blocco di durata più breve può causare danni permanenti al tessuto.
Il tessuto necrotico viene sostituito da un tessuto cicatriziale privo delle caratteristiche di contrattilità. Se l'area infartuale è molto estesa, può provocare la morte del paziente. Nella maggior parte dei casi si verificano aritmie che possono rivelarsi molto pericolose e portare a morte improvvisa.

Tra i sintomi più frequenti dell’infarto del miocardio si annoverano il dolore dietro lo sterno che s'irradia verso la schiena, la spalla sinistra, il braccio sinistro e, talvolta, al braccio destro. Il dolore al torace è simile all'angina, ma a differenza di quest'ultima non è sensibile al riposo o alla nitroglicerina. Anche se il dolore al torace è un sintomo caratteristico, può essere assente nelle donne e nelle persone anziane. A volte può verificarsi un dolore addominale che viene erroneamente considerato un problema di digestione, soprattutto perché le eruttazioni danno sollievo. Altri sintomi frequenti sono la paura di morire e la sudorazione. I sintomi dell'infarto variano considerevolmente da paziente a paziente, i sintomi atipici o l'assenza di certi sintomi rendono difficile fare una diagnosi corretta. Perciò l'ECG ha un ruolo fondamentale nella diagnosi. In caso di infarto cardiaco niente è più importante di un rapido intervento; se si ha un sospetto di infarto, è importante chiamare subito l'ambulanza senza perdere tempo a contattare il medico di famiglia.

Il primo passo nel trattamento dell'infarto consiste nel portare il paziente in ospedale. È pratica ragionevole la somministrazione di un farmaco trombolitico (aspirina) e di ossigeno per aumentare il contenuto di ossigeno nel sangue e migliorare l'apporto di ossigeno al muscolo cardiaco.

I farmaci somministrati per via endovenosa servono a dissolvere il coagulo di sangue. Se il coagulo di sangue non viene sciolto entro sei ore dall'insorgenza dei sintomi, il danno del muscolo cardiaco sarà permanente, nemmeno l'intervento potrà aiutare.

In alcuni casi, le arterie coronarie vengono dilatate con un intervento chirurgico chiamato angioplastica coronarica che viene eseguita utilizzando un catetere a palloncino. Il catetere viene inserito attraverso l'arteria femorale che permette di giungere fino all'arteria coronaria bloccata. La dilatazione dell'arteria viene effettuata mediante il gonfiaggio del palloncino al suo interno, premendo uno stent contro la parete dell'arteria. Il palloncino viene poi sgonfiato e rimosso mentre lo stent viene lasciato in sede per mantenere aperta l'arteria.

L'infarto miocardico rappresenta una delle principali cause di mortalità, un paziente su cinque muore d'infarto. Pertanto, la prevenzione è particolarmente importante: è consigliato seguire un'alimentazione sana a basso contenuto di colesterolo LDL, fare attività fisica regolare e evitare di fumare.

Extra correlati

Il cuore

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di battere diversi miliardi di volte durante la nostra vita.

Il sistema di conduzione elettrica del cuore

Il cuore produce gli impulsi elettrici necessari per il proprio funzionamento. La rappresentazione grafica dell'attività elettrica del cuore è...

Adrenalina (livello avanzato)

L'adrenalina, noto anche come epinefrina, è un ormone prodotto dal nostro corpo in situazioni di stress e svolge un ruolo importante nella cosiddetta...

Anatomia del cuore

Questa scena presenta la posizione, l'anatomia e il funzionamento dell'organo centrale dell'apparato circolatorio umano.

Appendicite

L'infiammazione dell'appendice vermiforme, che è collegata all'intestino cieco, richiede un intervento chirurgico immediato. L'animazione presenta cause...

Corpo umano (maschile)

Questa animazione presenta i sistemi più importanti dell'organismo umano.

Effetti del fumo sui polmoni

Il fumo danneggia gravemente l'apparato respiratorio, può causare la BPCO o il cancro del polmone.

Infezione dell’orecchio medio: otite media

L'animazione presenta i sintomi ed il trattamento dell'otite media sierosa.

Sistema circolatorio

La grande circolazione collega il cuore a tutti i tessuti del corpo dove trasporta il sangue carico di ossigeno, mentre la piccola circolazione collega il...

Trombosi venosa profonda ed embolia polmonare

Un coagulo di sangue che si forma nelle vene profonde degli arti inferiori, qualora entri nei polmoni, può causare un'embolia polmonare fatale.

Sangue umano

Il sangue umano è costituito da cellule (globuli rossi e bianchi, piastrine) e da plasma.

Tessuti muscolari

Esistono tre tipi principali di muscoli: i muscoli scheletrici, i muscoli lisci e il muscolo cardiaco.

Added to your cart.